La verità nei suoi occhi: la vita vince sempre.

“Credo nei lunghi cammini che danno chiarore all’ignoto.”

Questo romanzo mi ha sorpresa. Le prime pagine non mi stavano convincendo, non capivo quale fosse la storia di base, dove si volesse arrivare, se i personaggi avessero una propria profondità. Poi mi ha colpita! Credo che sarebbe molto interessante se da questo libro nascesse un film!
“La verità nei suoi occhi” è composto da un continuo alternarsi di epoche ed ambientazioni, che permettono la formazione di storie che si incontrano e si intrecciano, ognuna con la propria importanza, ognuna con il proprio messaggio da lasciare. Il colpo di scena è l’elemento di congiunzione di ogni vicenda dalla prima all’ultima pagina, condito da flashback che trascinano in un vortice di immagini e parole.

Un viaggio in un luogo lontano e felice, una coppia unita da un legame intenso che aspetta solo di essere illuminato dal sole di un figlio.

Poi il passato: ognuno ha la propria storia, ma non tutti si portano dietro qualcosa di così traumatico e coinvolgente come il protagonista di questo libro.

Daniele trova l’amore, quegli occhi in cui si riconosce, gli occhi in cui impara a vivere profondamente: dopo una vita passata a salvare altre vite come medico, trova una donna che salva la sua anima di uomo e gli fa scoprire di quanto amore egli sia capace.
Ci troviamo però durante l’ultimo conflitto mondiale, dunque le condizioni storiche, unite alla crudeltà di un colonnello tedesco che trova solo un oscuro vuoto dentro se stesso per ottenere tutto ciò che brama, non permettono ai due giovani di continuare a vivere questo amore.
Si scoprirà d’altra parte che la potenza del sentimento più profondo che l’essere umano sia in grado di provare ha vinto su tutto: sulla violenza, sulla guerra, sul vuoto.

Si scopre l’umanità nel luogo e nel tempo in cui di umano non c’è nulla. Si scopre l’amore dove sembrava essere dimenticato. Si scopre la vita dove aleggia la morte. A dimostrazione che il sentimento di chi è rimasto umano non può essere ucciso. Neanche da una guerra.

Anni dopo Daniele, grazie ad un viaggio con il suo nuovo amore e ad una bambina che riesce a guardare nel suo passato, coinvolgerà un suo amico, Matteo, per far luce su grande ipotetico cambiamento forse avvenuto anni prima e forse legato alla donna che precedentemente gli aveva rapito il cuore. Dunque Matteo, tra viaggi e nuovi travolgenti incontri, si troverà di fronte ad una difficilissima scelta: la verità è sempre la cosa giusta?
Di certo si può decidere di non rivelarla, ma non si può nascondere, perché la verità è sempre nei nostri occhi. 

Un libro che ci insegna, o magari ci ricorda, che una possibilità c’è sempre. Anche quando sembra finita, anche quando attraversiamo un dolore che sembra possa annientarci, anche quando non riusciamo a vedere “un oltre”, una luce, ci sarà sempre una nuova possibilità. Non cancellando il passato, ma portandolo nel nostro cuore, senza che possa prendersi il nostro presente, né il nostro futuro, ma solo i nostri ricordi, che non sono veli, ma sono fatti di profondità e ci ricordano di cosa siamo capaci. Un libro che ci insegna anche che le coincidenze sono solo coincidenze se vogliamo che siano tali! In caso contrario, ogni indizio può aiutarci a seguire la nostra strada, a chiudere porte rimaste accostate, a trovare la chiave per quelle che non abbiamo mai avuto il coraggio di aprire, a sciogliere nodi di cui non ci volevamo occupare. Un libro che ci insegna infine quanto sia difficile fare la cosa giusta, capire quale sia la cosa giusta, capire se davvero ci sia una cosa più giusta di un’altra in determinate situazioni.
Un libro pieno di storia ma colmo di futuro.

Il linguaggio medio-alto viene utilizzato nella meticolosa attenzione per i dettagli e per l’incredibile descrizione delle reazioni dei sensi; le parole scelte sono forti, potenti, entrano dentro l’anima con metafore che tutti noi almeno una volta abbiamo percepito tremanti. Le immagini sono così vivide ed intense che talvolta addirittura si può percepire la voce dell’autrice, spezzata dall’emozione.

Mi hanno toccata poi le osservazioni sul periodo di guerra, poste in una prospettiva diretta, dall’interno:
“Riflettete sulla considerazione comune a molti testimoni dell’olocausto: l’umanità ha il dovere di non dimenticare. La pazzia di pochi può arrivare a coinvolgere le gesta di molti, accecarli fino al punto di non riconoscere più nell’altro un proprio simile e legalizzare azioni considerate in altri momenti bestiali e improprie alla razza umana.” (p. 60)

“Erano i primi di luglio: il tempo passava, indifferente ai drammi della guerra, così come l’universo prosegue il suo infinito corso nell’alternanza delle stagioni, degli anni, delle evoluzioni astrali, lontano e distante dalle vicende umane.” (p. 24)
Quante volte l’abbiamo pensato: succede di tutto nella nostra vita, eppure la Terra continua a girare, le stagioni continuano il loro circolo, i fiori continuano a crescere, un giorno ci svegliamo e ci ricordiamo che l’esistenza continua, qualsiasi cosa accada.

Ecco, se un giorno volete ricordarvi che la vostra vita continuerà e avrà nuove possibilità di essere illuminata da una nuova luce, un nuovo amore, una nuova estate, immergetevi in questo romanzo breve, passando attraverso lontani paesi, epoche distanti, coincidenze e sentimenti, per emozionarvi e trovare una nuova forza.

Buona lettura!
Ludovica ☀

Ps. Ho cercato di rivelare il meno possibile della storia, ed è stato difficilissimo, perciò perdonatemi se è tutto poco chiaro, ma non credo sarebbe stato giusto fare altrimenti!


“La verità nei suoi occhi”, di Patrizia Doria, edito da Eretica Edizioni (2016). 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...